Lombardia in corsa verso i Brics

«Un vantaggio di vendere all’estero? Per esempio non devo neanche telefonare per sollecitare i pagamenti». Gian Angelo Mainini è pragmatico e vede solo aspetti positivi nella crescente internazionalizzazione delle imprese lombarde. Dati certificati ieri, proprio nella sede di Confindustria Alto Milanese che Mainini presiede, dalla ricerca annuale di Confindustria Lombardia.

La spinta oltreconfine, pur in un anno difficile, ha portato le vendite regionali ai nuovi massimi storici, oltre i 104 miliardi di euro. Le imprese attive all’estero, esaminate nel sondaggio, sono oltre 2000, la maggior parte con attività di vendita, altre con filiali o joint venture produttive. Globalmente controllano aziende che danno lavoro fuori dall’Italia a oltre 400mila addetti, cifra questa che non cresce ormai da anni. (altro…)