Forza Italia a Passera: Dialoghi con noi

  Gelmini: inutile disperdere le forze del centrodestra. Parisi è un nome ma nulla è deciso. Da Libero – Milano MIlano, 3 feb. 2016: Mentre il nome del candidato alle elezioni amministrative di giugno nelle file del centrodestra tarda ad arrivare, a fare chiarezza sulla situazione del partito oggi all’opposizione Leggi tutto…

Gelmini: Passera capisca dove far convergere i suoi voti

Di Fabio Massa – Da AffariItaliani.it “La Moratti? Grande stima, ma non credo sia disponibile”. Mariastella Gelmini, coordinatrice lombarda di Forza Italia, in un’intervista ad Affaritaliani.it spiega: “Non stiamo lavorando su Lupi. Passera? Deve capire dove far convergere i suoi voti…” Coordinatrice Gelmini, si vocifera che possa tornare in campo Leggi tutto…

Nuovo bonus fiscale per la ricerca

di Carmine FotinaIl Sole 24 Ore del 19.04.2012

Credito di imposta per la ricerca nel triennio 2012-2014 e Progetto di riconversione e riqualificazione industriale: sono le due principali novità con le quali il ministro dello Sviluppo economico prova a riorganizzare la politica industriale italiana.

La bozza dello schema di decreto legge su «Misure urgenti in materia di riordino degli incentivi per la crescita e lo sviluppo sostenibile» prevede l’abrogazione di 40 norme e disposizioni nazionali e lo spostamento delle risorse che dovessero emergere verso pochi selezionati obiettivi. Il testo, 14 articoli più un allegato di quattro pagine, sarà uno dei primi provvedimenti del piano crescita ad approdare al traguardo, sicuramente entro giugno secondo i piani dello Sviluppo economico che ha lavorato al dossier anche con l’apporto del ministero dell’Istruzione università e ricerca. Il riordino è atteso da anni – previsto originariamente da una delega al Governo contenuta nella legge sviluppo del 2009 – ma è stato più volte rinviato dai precedenti esecutivi, scontando soprattutto l’assenza di nuove risorse. Un limite quest’ultimo che tuttavia è destinato a caratterizzare anche la riforma Passera che, secondo prime stime dei tecnici, riuscirà a mobilitare e rimettere in circolo non più di 500-700 milioni.

(altro…)

Tutti gli interessi in campo, e in conflitto, sulle rinnovabili

di Carlo StagnaroIl Foglio del 04.04.2012

Torna la guerra dei pannelli.Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, è al lavoro sul “quinto conto energia”, cioè l’ennesima riforma degli incentivi al fotovoltaico. Sullo sfondo c’è l’attesa dei decreti per le altre fonti, come l’eolico e le biomasse, attesi da settembre 2011. Passera interpreta una posizione vicina a quella di Confindustria, ma la sua non sarà una passeggiata. Infatti non deve scontrarsi solo con i produttori di energia verde, ma anche con lo scetticismo del titolare dell’Ambiente, Corrado Clini.

Che cosa sta succedendo? Per dare una risposta bisogna guardare al posizionamento di altri due attori. Uno è l’Autorità per l’energia, da tempo attiva nel denunciare il peso crescente degli incentivi. Quest’anno i consumatori dovranno sborsare oltre 10 miliardi di euro per i sussidi, più i costi “di sistema” dovuti all’intermittenza di alcune fonti. Intermittenza che, secondo l’authority presieduta da Guido Bortoni, spiega circa il 40 per cento degli ultimi aumenti.

(altro…)