La crescita tradita

Di Fabrizio ForquetIl Sole 24 Ore del 05.12.2012

Con le elezioni alle porte il Senato si sta trasformando sempre più in una palude. Sabbie mobili pronte a inghiottire anche quel poco di buono che c’è tra i tanti provvedimenti allo studio delle Camere. Mentre il rilancio della crescita rischia di trasformarsi sempre di più in argomento buono solo per i convegni.

L’ultima vittima della bagarre di Palazzo Madama sono le infrastrutture. In una notte di ordinario caos in Commissione, infatti, è andato smarrito l’abbassamento della soglia da 500 a 100 milioni per poter accedere al credito di imposta. Come dire: in un colpo solo decine di potenziali opere vengono tagliate fuori. Cantieri, investimenti, posti di lavoro che non potranno essere attivati. Proprio quando ce ne sarebbe un assoluto bisogno, come testimoniano i dati resi noti ieri dall’Ance. Secondo l’associazione dei costruttori, infatti, nel 2012 il settore dell’edilizia, da sempre determinante per il Pil italiano, ha visto una caduta del 7,6%, con una previsione per il 2013 ancora negativa del 3,8 per cento. (altro…)