Liberare l'Italia da lacci e lacciuoli

di Fabrizio GalimbertiIl Sole 24 Ore del 20.04.2012

Pochi, maledetti e subito. Non sono tanto i soldi che le imprese piangono da quel pagatore renitente che è la Pubblica amministrazione (anche se aiuterebbero non poco); sono i provvedimenti per far ripartire la crescita.

Il Pil non aumenta per decreto legge, disse Giulio Tremonti. Neanche Stalin riusciva a fare crescita con gli ukaze, reitera l’ex ministro. Tutto giusto, tutto vero. Ma da qui a credere e far credere che lo Stato sia impotente di fronte a un’economia che affonda nella recessione ce ne corre. Forse il tormentone dell’articolo 18 ci ha fatto dimenticare quelle linee di faglia che delimitano la gabbia dell’economia italiana: quegli aspetti di qualità e di quantità – qualità del tessuto produttivo e quantità dei vincoli – che stringono l’economia in una soffocante minorità.

(altro…)