L'ombrello e la scialuppa

di Pierluigi BattistaCorriere della Sera del 01.10.2012

Ora è esplicito che l’arcipelago neocentrista, il nuovo partito di Montezemolo, quello di Casini, quello di Fini più altri e variegati frammenti della galassia moderata andranno alle elezioni con un candidato che non si candida: Mario Monti. Non si sa come la prenderà l’attuale presidente del Consiglio. Si sa però che la prenderanno bene le istituzioni europee, i mercati, gli investitori, gli alleati dell’Italia, i partigiani dell’euro timorosi che con le elezioni vada smarrito il rigore e il recupero di credibilità internazionale incarnato dalla figura di Monti, nonostante incertezze ed errori nell’azione di governo. Si allontana il rischio che con il «ritorno della politica» l’Italia sprofondi nuovamente nelle cattive abitudini della spesa spensierata e del consenso pagato con i debiti. Ma, paradossalmente, è proprio la nascita di un «partito» pro Monti a nascondere un’insidia per l’attuale presidente del Consiglio e per i sostenitori di un «Monti bis».

(altro…)