È made in Italy l'industria dell'ospitalità mondiale

Di Enrico Netti – Da Il Sole 24 Ore

Milano, 23 ott. 2013: Buyer e visitatori da tutto il mondo. È stato un pubblico di visitatori professionali, ben 133mila presenze (+7% rispetto la passata edizione) quello che ha affollato i padiglioni di FieraMilano nei cinque giorni di Host 2013, il salone biennale dedicato all’industria dell’ospitalità professionale che ha confermato la leadership mondiale del Made in Italy nel settore Ho.re.ca. (altro…)

Festa della Repubblica: Il Made in Italy in vetrina nel mondo

Celebrazioni in tutto il mondo per la festa della Repubblica italiana. Ambasciate e consolati nei cinque continenti, dal Giappone alla Francia, dalla Romania fino agli Emirati Arabi Uniti, passando per la Nigeria e l’ Etiopia, hanno organizzato eventi, cogliendo l’ occasione per promuovere il Made in Italy in tutte le sue forme, dalla musica all’ arte, dai prodotti enogastronomici all’ industria, a cominciare da quella automobilistica. (altro…)

A Roma i principali Centri di ricerca europei

Trovare le strategie vincenti per favorire lo sviluppo e la commercializzazione dei risultati della ricerca: è questo l’obiettivo dell’incontro che domani a Roma riunisce i principali centri di ricerca europei per discutere di attività congiunte nel campo del trasferimento tecnologico.

L’incontro è organizzato congiuntamente da Enea, dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e dal Centro Comune di Ricerca della Commissione europea (Jrc).

(altro…)

Gli imprenditori della fabbrica accanto

di Dario Di VicoCorriere della Sera del 22.04.2012

Dai virtuosi del cashmere a quelli dei distretti Ecco chi ha già battuto la crisi economica

Per capire che cosa veramente sta succedendo all’economia reale guai ad affidarsi solo ai calcoli sulle medie statistiche. Racconta Innocenzo Cipolletta che ha appena ultimato un’indagine sui processi di ristrutturazione dell’industria italiana: «Crescita zero è un concetto che ormai spiega poco e niente. Anzi, nasconde molte cose. Non ci fa vedere come un pezzo dell’offerta italiana, quella capace di produrre valore aggiunto, si sia addirittura rafforzata. A scomparire sono state, invece, le aziende e le produzioni che non reggono la competizione con i nuovi Paesi produttori».

(altro…)

Gelmini, PdL: l'eredità di don Verzé

Roma, 31 dic. – Don Verzè lascia un patrimonio di ricercatori e di ricerca che rappresenta un vanto per la terra lombarda e un’eccellenza di quel Made in Italy dell’innovazione e dell’impegno che troppo spesso dimentichiamo. E che è il segmento più importante dell’immagine di una nuova Italia. L’affetto e Leggi tutto…